Content making

Lista di controllo SEO di WordPress

Vuoi posizionarti più in alto nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP)? Se è così, allora devi fare la tua ricerca sulle parole chiave.

Uno degli aspetti più importanti dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) è garantire che il tuo contenuto sia ottimizzato per i motori di ricerca. Questo articolo ti spiega tutto quello che devi sapere sul SEO di WordPress e ti fornisce anche una lista di controllo per una corretta ottimizzazione del tuo sito web.

L’importanza della lista di controllo SEO di WordPress

Perché hai bisogno di questa lista di controllo SEO?

Se vuoi posizionarti più in alto nelle SERPS, il tuo contenuto deve essere fatto su misura per il SEO. Devi considerare molti fattori diversi e a volte può sembrare complesso, soprattutto all’inizio.

Questa lista di controllo ti aiuterà a tenere conto di tutti gli elementi necessari per una corretta ottimizzazione e ad assicurarti di essere sulla strada giusta. Ti guiderà passo dopo passo per ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca.

Chi può beneficiare della nostra lista di controllo SEO per WordPress?

Indipendentemente dal fatto che tu sia un principiante o un esperto, questa lista di controllo ti sarà utile non appena saprai cos’è il SEO e come funziona.

Non importa se il tuo sito web è un blog, un sito eCommerce, o qualsiasi altro tipo di contenuto. Questi consigli possono aiutare chiunque: marketer, copywriter, blogger e anche webmaster.

Tuttavia, se hai appena iniziato e vuoi sapere come lanciare un sito WordPress da zero (senza consigli SEO), dai un’occhiata alla nostra Lista di Controllo per il Lancio di WordPress qui. Potrebbe aiutarti di più all’inizio (ma torna su questo più tardi).

Dai un’occhiata alla lista di controllo SEO di WordPress

Vediamo a quali elementi dovresti prestare particolare attenzione quando ottimizzi il tuo sito WordPress.

Lista di controllo SEO di WordPress

Prima di procedere, devi verificare che il tuo servizio di hosting soddisfi i requisiti SEO di WordPress. WordPress ha un elenco di provider consigliati, quindi se vuoi rendere le cose più facili per te, scegli uno di questi: Hostinger, Bluehost, Siteground o HostGator.

Hosting

Speriamo che tu abbia scelto un nome di dominio breve, pertinente alla tua nicchia e senza errori di ortografia. Anche se questi sono alcuni dei requisiti più comuni per la scelta di un buon nome di dominio, dovresti anche assicurarti che non includa simboli (ad esempio, underscore), poiché i crawler dei motori di ricerca possono avere problemi con essi.

Domain example - LiveAgent

Non utilizzare un indirizzo IP come nome di dominio. Per verificarlo, basta aggiungere l’indirizzo di un sito nella barra di ricerca di Google e vedere cosa succede: se non mostra alcun risultato allora è tutto a posto, ma se ti porta a un sito che si occupa di protocolli Internet, allora c’è qualcosa di sbagliato.

Se scegli di creare un sito web multilingue, ogni post deve avere un proprio dominio di traduzione (TLD). Questo aiuterà Google a capire meglio la struttura del tuo sito e a indicizzare i TLD separatamente, in modo che non si confondano l’uno con l’altro (possono anche essere rimossi dai risultati di ricerca se ci sono troppi problemi di contenuti duplicati).

Translation domains example

This is why it’s essential for you to use different TLDs if your site has more than one language and make sure that each post contains its target keywords, meta-description, page title, etc., so that Google can adequately rank them separately in its SERPs.

Hreflang is also crucial here (more on that later).

È necessario verificare se il tema segue le migliori pratiche SEO di WordPress per avere una buona base per l’ottimizzazione. Astra, OceanWP e Divi sono tra i temi WordPress più popolari e più veloci da caricare che seguono le ultime tendenze del web design e della SEO.

Free knowledge base software theme in LiveAgent
Montana

Oltre a fornire un’eccellente esperienza utente, i migliori temi WordPress massimizzano i tuoi sforzi SEO.

Quando si parla di WordPress SEO, una delle cose più importanti è un buon plugin. A tal fine consigliamo Yoast, che fornisce tutto ciò che serve per avere un sito ottimizzato, dalle opzioni più semplici come l’impostazione di titoli e meta-descrizioni (che consentono anche l’ottimizzazione delle meta-parole chiave) a quelle più avanzate come le sitemap XML e la verifica degli strumenti per i Webmaster (che consentono di comunicare con Google per ottenere l’inserimento del sito nell’elenco).

SEO plugin

Tutto ciò che devi fare è installarlo, attivarlo e impostare le opzioni di base.

Google Webmaster Tools è l’equivalente di Google Search Console per i siti web. Se non lo utilizzi già, devi farlo per tenere traccia dello stato di salute del tuo sito web e di eventuali problemi tecnici che potrebbero danneggiarne le classifiche (come errori di crawling o malware).

Google Webmaster Tools

Fornisce inoltre informazioni sui principali referrer, sullo stato di indicizzazione, sugli errori di crawl e su altri aspetti tecnici. Tutti questi aspetti sono fondamentali se si vuole avere un sito web di alta qualità con ottimi posizionamenti, traffico sui motori di ricerca e tassi di conversione.

Anche se non si tratta di un aspetto tecnico, la reattività è comunque fondamentale per l’esperienza dell’utente e per la SEO. Quando si tratta di parole chiave ad alta competizione, è necessario avere contenuti ottimizzati sia per i dispositivi desktop che per quelli mobili.

Mobile-friendly page

Il sito web di LiveAgent su telefono

Non puoi permetterti di perdere utenti mobili perché hanno difficoltà ad accedere al tuo sito web dal telefono. Per questo è molto importante avere gli stessi tipi di contenuto adattati a ogni lettore di schermo, e Google ha insistito molto su questo aspetto anche nelle sue raccomandazioni.

La velocità di caricamento del tuo sito è molto importante quando si tratta di posizionarsi su Google. Se le tue pagine impiegano troppo tempo a caricarsi, è probabile che le persone se ne vadano prima ancora di avere la possibilità di vedere ciò che hai da offrire.

Google Analytics - Page Speed example
fonte: analytics.google.com

Ecco perché il monitoraggio della velocità della pagina su ciascuno dei tuoi post e la garanzia che i punteggi medi siano sufficientemente alti sono fondamentali per il successo del tuo sito web.

Poiché lo scopo principale della cache è quello di velocizzare il sito web, è abbastanza chiaro il motivo per cui si dovrebbe utilizzare una cache. Esistono diversi tipi di plugin che forniscono questo servizio. Noi consigliamo WP Super Cache, perché è facile da configurare e ha un basso impatto sulle prestazioni del sito (quindi anche i visitatori con computer vecchi o connessioni lente non lo noteranno).

Wp super cache plugin

Dopo aver installato e attivato il plugin, devi accedere alla pagina delle opzioni (Impostazioni -> WP Super Cache) e abilitare la cache. Quindi, clicca su “crea una nuova cache” per cancellare tutti i dati precedenti. Una volta fatto questo, puoi usare il nostro trucco preferito, ovvero la modalità Incognito di Google Chrome, per verificare la velocità di caricamento del tuo sito web.

I certificati SSL servono a criptare i dati inviati tra i visitatori e il sito web. Anche se non ne hai bisogno per avere una campagna SEO di successo, ti consigliamo vivamente di utilizzare i certificati SSL, poiché il loro scopo è quello di migliorare la sicurezza e rendere il tuo sito più affidabile agli occhi degli utenti. Tutto questo porterà a un miglioramento delle classifiche di ricerca e la cosa migliore è che i certificati SSL sono gratuiti.

SSL certificate example

L’account My Business Google è un servizio gratuito che consente di gestire tutte le inserzioni aziendali da un’unica postazione. Tutto ciò che devi fare è andare lì, creare un account e aggiungere le informazioni necessarie per ciascuna delle tue sedi, categorie o qualsiasi altra informazione importante. Una volta aggiunto il tutto, verificalo con Google Map Maker (uno strumento che consente di aggiungere informazioni sulla tua sede).

My business Google account

Perché è importante per le prestazioni SEO? Più informazioni pertinenti fornite ai motori di ricerca, più possibilità ci sono che il tuo sito web appaia in cima alle SERP.

Ora che tutto è completo, è il momento di verificare se tutte le informazioni sono state aggiunte correttamente. A tale scopo, è possibile eseguire una ricerca su Google per ciascun annuncio commerciale (ad esempio, “pizzeria Palo Alto”). Se appaiono tutti nelle prime pagine dei risultati, è tutto a posto. In caso contrario, è necessario contattare Google e chiedere aiuto.

Le sitemap XML vengono utilizzate per mappare i contenuti del sito web in modo che i motori di ricerca possano scansionarli facilmente. È un’operazione semplice, che richiede solo un plugin XML Sitemap o quello ufficiale di Google. Quest’ultimo è gratuito, ma richiede alcune conoscenze tecniche sulla creazione di mappe del sito in modo programmatico con un account Google.

XML sitemap example

Sitemap di Post Affiliate Pro

Un plugin è l’opzione più semplice e veloce da scegliere, anche se potrebbe mancare di alcune funzionalità extra che potrebbero essere utili. Dopo averne aggiunto uno, si può semplicemente inviare la sitemap online o controllarne lo stato.

Il file robots.txt viene utilizzato per indicare ai motori di ricerca se devono o meno effettuare il crawling e l’indicizzazione di sezioni specifiche del tuo sito web. Può essere utilizzato anche per aspetti più tecnici, come ad esempio bloccare l’accesso ai bot che non hanno bisogno di vedere una pagina specifica (come una sezione di amministrazione).

robots.txt tester tool

In questo file sono presenti diverse regole da tenere a mente, come la regola disallow. Questa regola indica ai bot di non indicizzare l’intero contenuto del sito web, poiché potrebbe essere troppo ampio e causare problemi tecnici di crawling (come i loop infiniti).

Se vuoi posizionarti più in alto nelle SERP e ottenere maggiore visibilità, è molto importante avere molti backlink da siti web di grande autorevolezza. Generare dei backlink (noti anche come link in entrata) da siti web altamente autorizzati può contribuire ad aumentare le conversioni, poiché questi siti di solito si posizionano più in alto del tuo (il che significa che sono più affidabili).

External backlinks Ahrefs example
fonte: ahrefs.com

Il link esterno è anche un ottimo modo per costruire relazioni più forti con i tuoi clienti e con le altre aziende. Per questo motivo, imparare come funziona la creazione di link è molto importante se si vuole avere un’attività di successo in futuro. Tuttavia, non è così semplice come può sembrare e molte cose possono andare storte quando si cerca di costruirli (come essere penalizzati da Google o inviare segnali sbagliati sul proprio sito web).

Se volete che il vuoi sito si posizioni, devi assicurarti che Google possa indicizzarlo correttamente. I problemi di crawling del sito influiscono negativamente sulle sue prestazioni e potrebbero addirittura impedirne l’indicizzazione (il che è negativo per la SEO). Per questo motivo è necessario controllare sempre gli Strumenti per i Webmaster di Google per verificare se ci sono problemi di crawling del sito e, in tal caso, cercare di risolverli il prima possibile.

LiveAgent indexing

Gli elementi di collegamento canonici sono utilizzati per evitare problemi di contenuti duplicati, quindi devono essere implementati su ogni pagina del sito web. Inoltre, aiutano a evitare di indicizzare due volte lo stesso post (il che può portare a penalizzazioni).

This image has an empty alt attribute; its file name is programming-1024x682.jpg

Per questo compito è necessario uno sviluppatore esperto, poiché l’impostazione programmatica degli URL canonici non è così semplice come potrebbe sembrare. In definitiva, non si può fare a meno di questi aspetti tecnici della SEO, anche se non sono così “eccitanti” come altri. Sono importanti per le classifiche e dovrebbero essere presi in considerazione fin dal primo giorno quando si lavora a un nuovo sito web o alla riprogettazione di uno vecchio. In questo modo, non ci saranno sorprese in futuro se e quando vedrai improvvisamente un calo del tuo traffico organico.

Le annotazioni Hreflang vengono utilizzate per specificare la lingua a cui ci si rivolge, compreso il paese. Ciò significa che mentre i visitatori australiani vedranno una versione specifica del tuo sito web, un utente proveniente da un altro paese verrà reindirizzato a una pagina diversa dove potrà leggere tutto nella sua lingua madre, ad esempio.

WP languages example

Lingue supportate da LiveAgent

Per configurarlo, è necessario aggiungere una riga di codice all’intestazione del sito (appena sotto il tag di apertura) e specificare i paesi a cui ci si rivolge. Per ulteriori informazioni, consultare la pagina di supporto di Google.

Ogni post sul tuo sito web deve rientrare nella categoria corretta. Questo è uno di quegli aspetti che molte persone tendono a trascurare e a considerare “facoltativi”, ma non potrebbero sbagliarsi di più, perché Google li usa come linee guida quando cerca di classificare le pagine web. Per questo motivo è indispensabile selezionare con cura le categorie in cui rientra ogni post e poi assicurarsi di ottimizzare il più possibile per quelle parole chiave.

LiveAgent's main and side header

Ad esempio, se hai un post sul blog che parla di macchine da caffè, sarebbe meglio inserirlo in una categoria chiamata “Elettrodomestici da cucina” invece che “Beni di consumo”. Questo aiuterà Google a capire meglio la struttura del tuo sito, il che è molto importante se vuoi posizionarti più in alto nelle SERP.

Se vuoi migliorare i tuoi posizionamenti di ricerca nel lungo periodo e ottenere risultati migliori, devi impostare una strategia di content marketing straordinaria che ti permetta di creare regolarmente post di alta qualità sul blog. Questo significa pensare in anticipo agli argomenti da trattare, in modo da non avere problemi quando si cerca di creare nuovi contenuti per le persone interessate alla tua nicchia.

LiveAgent blog
Blog di LiveAgent

L’impostazione dei permalink serve a definire la struttura degli URL dei post. Come i titoli del sito, devono essere unici (e non contenere numeri) affinché Google e gli altri motori di ricerca comprendano la struttura dei permalink.

Example of Permalink settings

Esempio di impostazioni dei Permalink

Se si utilizza il plugin Yoast SEO, come suggerito in precedenza, questa opzione è disponibile nel menu SEO -> Permalink. Una volta lì, selezionare quella che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Si tratta di un gruppo di indicatori di performance che analizzano il funzionamento del tuo sito web dal punto di vista dell’esperienza. È possibile controllare il posizionamento delle pagine utilizzando questo report in Google Search Console, che le classifica come “Buone”, “Da migliorare” o addirittura “Scarse”.

Check core web vitals through Google search console

Report come questi sono utili per individuare problemi come la bassa velocità del sito web, le risorse bloccate, i titoli mancanti e i contenuti di bassa qualità.

Link juice è un termine utilizzato nella SEO che si riferisce all’importanza del tuo sito web per i motori di ricerca. Più link di qualità puntano verso il tuo sito (ovvero, più alto è il loro PageRank), più potente è il “link juice” che il tuo sito riceve.

Referring domains in Ahrefs - example

Domini di riferimento di LiveAgent

Per verificare la forza dei tuoi backlink, tutto ciò che devi fare è inserire un qualsiasi URL in Open Site Explorer e vedere tutti i link in uscita che puntano verso di esso. Se ci sono più di 100 link esterni, allora congratulazioni, hai già un sito web potente. Ma se non sono così tanti, dovresti iniziare a lavorare per ottenere più link il prima possibile.

I volumi di ricerca sono uno dei KPI più importanti da tenere d’occhio per determinare le parole chiave più adatte all’ottimizzazione di ogni post. Indicano quante persone in totale stanno cercando qualcosa di correlato alla tua offerta. In definitiva, i dati sul volume di ricerca possono essere utilizzati per monitorare l’andamento delle tue classifiche nel tempo e vedere come influiscono sulle conversioni, sul traffico o su qualsiasi altra metrica che ritieni importante.

Google trends - search volume example LiveAgent

La possibilità di monitorare le proprie classifiche è indispensabile se si vuole avere il pieno controllo sull’andamento del proprio sito web. Esistono molti strumenti per questo compito, alcuni più precisi di altri. Tuttavia, la cosa più importante è trovarne uno che funzioni bene per le esigenze del tuo sito web e poi vedere se riesci a ottenere i risultati desiderati con esso.

Rank tracking in Ahrefs example
fonte: ahrefs.com

Poiché ogni azienda ha obiettivi diversi (come l’aumento del traffico o dei contatti), il monitoraggio delle classifiche da solo non ti aiuterà molto, a meno che il tuo obiettivo finale non sia quello di aumentare il traffico di ricerca organico. Ecco perché il monitoraggio dovrebbe essere accompagnato da altri KPI in grado di dirti se le classifiche ti stanno effettivamente aiutando a raggiungere gli obiettivi o meno (e come esattamente). Il punto principale è avere un’idea chiara del tipo di risultati che desideri per considerare il tuo sito un successo e monitorare attentamente tutto ciò che può influire su di essi, in modo da poter adattare la tua strategia di conseguenza.

Google Analytics è un ottimo modo per tenere traccia del traffico del tuo sito web e vedere come i visitatori si comportano su di esso. Le fonti di traffico, le pagine più popolari, le pagine di ingresso/uscita e il tempo trascorso su ogni pagina sono solo alcuni esempi dei diversi dati che si possono ottenere da questa piattaforma. Grazie a questi dati, è possibile migliorare l’esperienza dell’utente scoprendo cosa funziona e cosa no.

Google Analytics example

Google Analytics include anche una serie di strumenti chiamati Google Optimize, la piattaforma di test e personalizzazione di Google (precedentemente nota come Content Experiments). Può aiutarti a eseguire test A/B sulle tue pagine per capire cosa preferiscono o meno i visitatori. È possibile testare elementi come i colori dei pulsanti, la navigazione, i layout del design o qualsiasi altra cosa..

Un audit SEO regolare può garantire che tutto funzioni correttamente e che non ci siano problemi di indicizzazione o contenuti duplicati (che potrebbero influire sul tuo sito). Ecco perché è una buona idea eseguire controlli SEO periodici se si vuole migliorare le classifiche del proprio sito nel tempo.

This image has an empty alt attribute; its file name is SEO-1024x558.jpeg

Se vuoi ottenere risultati migliori nel tempo e scoprire quali argomenti interessano alle persone, è fondamentale che tu faccia delle ricerche in anticipo. In questo modo, potrai essere sicuro che i tuoi post siano stati ottimizzati a sufficienza per essere indicizzati facilmente dai motori di ricerca e diventare più visibili nelle SERP.

This image has an empty alt attribute; its file name is research_27_55percent.svg

Inoltre, sarebbe utile stilare un elenco di parole chiave che potrebbero andare bene per ogni post, in modo da poterle includere nel campo della meta-descrizione e nel titolo della pagina. Utilizza uno strumento di ricerca delle parole chiave per trovare quelle più pertinenti.

Fill in SEO title and meta description example
Utilizzo della parola chiave “lista di controllo SEO”.

È inoltre opportuno cercare di utilizzare la parola chiave nelle prime 100 parole di ogni post, in modo che i motori di ricerca sappiano di cosa si tratta. In questo modo i motori di ricerca capiranno meglio il suo scopo e potranno classificarlo più in alto rispetto ai post che non hanno un chiaro collegamento tra l’argomento e le parole chiave.

SEO checklist - keyword in intro example

Non è una buona idea far comparire la parola chiave troppo spesso nel post. Non si deve pensare che si tratti di spam o che appaia innaturale, per cui nessuno sarà interessato a leggere il contenuto più avanti nella pagina.

This image has an empty alt attribute; its file name is spam-filter.jpg

Non sprecare spazio prezioso che dovrebbe essere utilizzato per parole e frasi che le persone stanno effettivamente cercando. Puoi inserire di tanto in tanto la tua parola chiave nel tuo post, ma ricordati di non esagerare.

Il modo in cui scrivi le tue frasi può anche influenzare il posizionamento nei motori di ricerca. Non si tratta solo di avere la parola chiave, ma deve anche essere posizionata correttamente se vuoi che Google e altre piattaforme capiscano di cosa tratta il tuo post o la tua pagina.

Le parole chiave LSI sono parole correlate alla parola chiave principale. Non è necessario usarle sempre, ma spargerne un paio qua e là può essere utile, soprattutto se sono inserite in modo naturale nel contesto del post. In questo modo Google capirà che non state solo cercando di inserire il maggior numero possibile di parole chiave nel tuo contenuto, ma che invece ti preoccupi della qualità del contenuto.

LSI keywords example
Esempio di parole chiave LSI

Devi assicurarti che il tuo sito web o blog abbia molti contenuti visivi, in modo che le persone possano capire di cosa si tratta. Ciò significa utilizzare immagini, video, file audio e persino infografiche per aiutarti a trasmettere il tuo punto di vista in modo più coinvolgente.

Visual elements example

È necessario avere un nome di file breve e descrittivo, nonché un tag alt e un titolo. Anche la descrizione dovrebbe essere un breve riassunto dell’immagine. Le didascalie possono essere utilizzate per fornire ulteriori informazioni, se necessario. È importante assicurarsi che le immagini utilizzate nei post abbiano tutti questi attributi e siano ottimizzate di conseguenza.

Optimize images

Se utilizzi un plugin come Yoast SEO, ti aiuterà ad assicurarti che tutte le tue immagini siano ottimizzate correttamente. L’ottimizzazione delle immagini ti aiuterà con i tuoi sforzi SEO e con la velocità del sito, dato che le immagini di grandi dimensioni possono richiedere molto tempo per essere caricate (cerca di mantenere le dimensioni dei file sotto i 100KB quando possibile). Assicurati comunque di utilizzare immagini di alta qualità per incrementare la SEO e migliorare l’aspetto generale del tuo post.

Non si tratta più solo di immagini. È necessario che anche i contenuti video siano ottimizzati, per ottenere i migliori risultati possibili in termini di posizionamento sui motori di ricerca anche per questo formato di media.

Other multimedia files - optimization

È possibile utilizzare tutti i tipi di file multimediali, come video, audio e persino infografiche, ma devono essere facilmente accessibili e formattati correttamente. Ciò significa utilizzare il giusto nome del file, il tag alt, il titolo, la descrizione e la didascalia per ciascuno di essi, in modo che le persone (e Google) possano trovarli facilmente attraverso i motori di ricerca.

Questo è qualcosa che dovresti fare fin dall’inizio, in quanto aiuterà il tuo sito web o blog ad essere indicizzato rapidamente. Il titolo e le meta descriprion sono ciò che viene visualizzato nelle SERP, quindi è necessario assicurarsi che siano abbastanza attraenti per le persone da cliccarci sopra. Ricordati di includere le parole chiave qui, e metti in grassetto quelle su cui metti più enfasi.

È quello che appare in cima al tuo post o alla tua pagina ed è essenziale che sia ottimizzato correttamente in modo che gli utenti lo vedano subito. Il link rappresenta il contenuto di una pagina, quindi è necessario assicurarsi che funzioni correttamente, altrimenti potrebbe distogliere l’utente dal cliccare. È inoltre necessario utilizzare un’immagine accattivante che faccia venire voglia di leggere di più.

Featured image example

È inoltre necessario assicurarsi che i tag di intestazione siano formattati correttamente, in modo da fornire le parole chiave giuste e indirizzare l’attenzione del pubblico dove si desidera. Ciò significa utilizzare gli H-tag (cioè gli Heading-tag) per i titoli principali e i sottotitoli, ecc. che corrispondono ai rispettivi contenuti della pagina o del post.

Header tags example
Esempio di tag di intestazione

Ogni pagina ha bisogno di un solo tag H1, che deve includere la parola chiave principale per quella pagina. Non c’è motivo di usare più di un H-tag per ogni pagina del tuo sito o blog, ma assicurati di usarli correttamente per ottenere il massimo dai tuoi sforzi SEO.

H1  example
Esempio di H1

Inoltre, è necessario assicurarsi che il testo sia adeguatamente ottimizzato per le parole chiave. Per farlo, è necessario includerle nel testo stesso, nei titoli e nelle meta-descrizioni delle pagine e dei post. Dovresti anche utilizzare parole chiave a coda lunga correlate in tutto il tuo sito web o blog per contribuire a migliorare ulteriormente i tuoi sforzi SEO.

This image has an empty alt attribute; its file name is Image_text_ratio-1024x687.jpg

I post e le pagine costantemente aggiornati tendono a posizionarsi più in alto nei risultati dei motori di ricerca rispetto a quelli che non lo sono. Questo perché Google e le altre piattaforme li considerano più pertinenti allo stato attuale, quindi è più probabile che vengano visualizzati quando le persone cercano termini correlati.

This image has an empty alt attribute; its file name is Data_searching.png

I link di ancoraggio sono un’altra parte importante della SEO on-page e vanno utilizzati ogni volta che è possibile per aiutare le persone a navigare nel tuo sito o blog. Ciò significa utilizzare link testuali con parole chiave pertinenti che portino le persone dove vogliono andare.

Anchor links example

Assicurati che i tuoi link interni siano efficaci. Collegati ai post correlati del tuo sito dall’interno dei tuoi contenuti e utilizza un testo di ancoraggio descrittivo per aiutare Google (e i lettori) a capire di cosa si tratta.

Liveagent internal link example

Se includi dei link in uscita nel tuo contenuto, assicurati che si aprano in nuove schede in modo che i lettori non perdano il loro posto sul tuo sito. In questo modo, possono esplorare ulteriormente il tuo contenuto mentre sono ancora in grado di tornare indietro e finire di leggere il post originale.

Se decidi di eliminare un post o una pagina, assicurati di utilizzare un reindirizzamento 301, in modo che tutti i link che puntano ad essa vengano automaticamente reindirizzati a un’altra pagina pertinente del tuo sito. Questo aiuterà a mantenere il tuo SEO in buona forma e a garantire che le persone non finiscano su una pagina che non esiste più.

This image has an empty alt attribute; its file name is 404_error-1024x576.jpg

Assicurati che i tuoi contenuti siano strutturati correttamente con l’uso corretto del markup Schema. Questo aiuterà Google e le altre piattaforme a comprendere meglio le informazioni presenti sul tuo sito web e a presentarle nel modo più utile per i tuoi lettori.

Migrate data to LiveAgent on your own

Il markup Schema non è l’unico modo per aiutare Google a comprendere i tuoi contenuti, poiché è possibile utilizzare anche i markup sociali. Questo aiuterà i tuoi contenuti ad avere un aspetto migliore quando vengono condivisi sulle piattaforme dei social media.

Social markup example
Esempio di markup sociale di Facebook

Se hai una sezione di domande frequenti (FAQ) sul tuo sito, assicurati che sia ottimizzata per la SEO di WordPress. Utilizza dei titoli chiari e concisi per ogni domanda e includi la risposta nel corpo della pagina.

FAQ section example
Esempio di FAQ 

Assicurati che i tag del tuo blog siano in ordine logico ed etichettati con parole chiave che descrivono il contenuto.

Blog tags example

Includi le biografie delle persone che scrivono i tuoi post e assicurati che includano un link al sito web o al blog dell’autore. Questo è un ottimo modo per riunire tutti i tuoi contenuti in un unico luogo. Inoltre, è utile per i lettori che sono interessati a seguire l’autore o a visitare il suo blog.

Author bio example

Puoi aggiungere una biografia dell’autore a ogni post che pubblichi o semplicemente avere una pagina biografica generale sul tuo sito che rimanda a tutti i tuoi post. Se hai un post di un ospite sul tuo blog, non dimenticare di includere la biografia dell’autore.

Assicurati di avere un pulsante sul tuo blog che rimanda alla tua home page. Questo è un ottimo modo per mantenere i lettori impegnati e tornare per saperne di più. Permette anche loro di esplorare il tuo sito in modo più approfondito, portando a più seguaci e abbonati al blog.

Punta a un numero di parole di almeno 500 per ogni post. Dipende dall’argomento, ma i post più lunghi sono generalmente migliori per la SEO, perché Google preferisce più contenuti effettivi su un argomento.

WP word count

Condividi i tuoi contenuti sui social media e incoraggia i tuoi follower a fare lo stesso. Dovresti anche creare dei pulsanti di condivisione sociale che possano essere facilmente inseriti nei tuoi post. In questo modo, i visitatori potranno condividere i tuoi contenuti con i loro follower senza dover lasciare il sito, aumentando così il traffico e, potenzialmente, il link verso di te.

Implement social signals

Esistono diversi plugin per questo scopo, tra cui alcuni dei più popolari sono SumoMe (che offre una serie di opzioni di condivisione sociale) e Shareaholic (un popolare plugin all-in-one che fornisce condivisione sui social media, analisi e altro).

Cerca di pubblicare almeno un post a settimana o anche più post al giorno, a seconda della frequenza con cui crei dei nuovi contenuti. Google Search preferisce i contenuti freschi, quindi è nel tuo interesse pubblicare post sul blog il più spesso possibile. Più post si pubblicano, più si ha la possibilità di posizionarsi in alto nelle SERP e di coinvolgere gli utenti.

This image has an empty alt attribute; its file name is Writing_original_article.jpg

Includi la data dell’ultimo aggiornamento nei metadati del tuo post. Assicurati di includere anche una data di ultimo aggiornamento (all’interno dell’HTML) per ciascuno dei tuoi post, in quanto ciò indica a Google e agli altri motori di ricerca quando il contenuto è stato pubblicato. La freschezza è fondamentale.

Implement Last updated date

Non dimenticarti di condividere i tuoi nuovi post sui social media. Fai in modo che i tuoi follower e i tuoi fan possano leggere facilmente i tuoi ultimi contenuti condividendoli su Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+ e altre reti popolari. È possibile automatizzare il processo con strumenti come Hootsuite o Kontentino, per risparmiare tempo e mantenere viva la presenza sui social media.

LiveAgent Facebook Christmas promo

È una nota importante da ricordare. Assicurati di non modificare i titoli dei tuoi post esistenti dopo la loro pubblicazione, perché questo può confondere Google e gli altri motori di ricerca. Se devi apportare una piccola modifica a uno dei tuoi post più vecchi, cerca di cambiare i metadati del post (all’interno dell’HTML) piuttosto che il titolo del post stesso.

This image has an empty alt attribute; its file name is Static_website_without_Live_Chat_Software.svg

Molti strumenti online utili possono aiutarti a produrre dei contenuti migliori, tra cui il plugin Yoast SEO per WordPress e l’app Hemingway. Questi sono solo alcuni esempi, ma ci sono molte altre opzioni da provare. Scegli quello più adatto alle tue esigenze e usalo per aumentare la produzione di contenuti.

woman adding content to multiple support documentation files

Cosa dovresti evitare per mantenere il tuo blog ad un alto livello di SEO?

Tieni presente che Google cambia costantemente i suoi algoritmi, il che significa che ciò che ha funzionato per te una volta potrebbe non funzionare più dopo il prossimo aggiornamento. Per quanto possibile, cerca di evitare di fare cose come:

  • Contenuto duplicato – se pubblichi lo stesso articolo sul tuo sito web e sul tuo blog o pubblichi un post sullo stesso argomento su entrambi, va bene condividerne alcuni ma cerca di non esagerare.

  • Inserimento delle parole chiave – non cercare di includere troppe parole chiave nei tuoi post, spesso in modo innaturale, per migliorare il tuo ranking. Farà più male che bene, quindi sarebbe meglio trovare dei modi più creativi per inserire le parole chiave nel testo.

  • Contenuto di bassa qualità – questo è quando si scrive solo per il gusto di posizionarsi più in alto e non ci si preoccupa molto di ciò che le persone pensano veramente. Concentrarsi sul SEO piuttosto che produrre contenuti di alta qualità ti farà arrivare più velocemente, ma i risultati non dureranno a lungo.

  • Ottimizzazione eccessiva delle parole chiave – se si cerca di esagerare con le pratiche SEO come l’uso di troppe parole chiave, ad esempio nei meta tag, nelle intestazioni e nei piè di pagina, si rischia di essere penalizzati e anche i lettori non saranno contenti.

  • URL duplicati – mentre questo può non sembrare così critico, può ancora causare alcuni problemi se non si sta abbastanza attenti. Se hai più URL che puntano allo stesso post del blog, assicurati che siano dei reindirizzamenti 301, altrimenti Google potrebbe vederli come dei contenuti duplicati e penalizzare il tuo sito o parte di esso.

  • Cannibalizzazione delle parole chiave – se hai molte pagine con le stesse parole chiave, i motori di ricerca possono confonderle e non classificarle o dare la preferenza a nessuna di esse. È necessario avere una chiara separazione tra i termini target per ogni pagina al fine di ottenere una quota totale del traffico dalle query di ricerca pertinenti.

  • Link non funzionanti – esamina i tuoi post e le tue pagine alla ricerca di link non funzionanti. Se ne trovi qualcuno, aggiorna il post o cancellalo.

Riassunto della lista di controllo SEO di WordPress

Gli elementi essenziali:

  • Hosting
  • Dominio
  • Domini di traduzione
  • Tema per WordPress
  • Plugin SEO
  • Google Webmaster Tools
  • Reattività

Elementi che gli algoritmi dei motori di ricerca cercano:

  • Velocità della pagina
  • Plugin cache
  • Certificato SSL
  • Il mio account Google Business
  • Sitemap XML
  • Robots.txt
  • Backlink esterni
  • Abilita l’indicizzazione
  • Link canonici
  • Hreflang
  • Categorie di siti
  • Strategia dei contenuti
  • Permalink

Report di analisi SEO:

  • Core Web Vitals
  • Link juice
  • Volumi di ricerca
  • Rilevamento delle classifiche
  • Google Analytics
  • Revisione regolare del SEO

Lista di controllo Blog SEO WordPress:

  • Esegui una ricerca sull’argomento
  • Ricerca delle parole chiave pronta
  • Parola chiave nelle prime 100 parole
  • Densità delle Parole Chiave
  • Ordine delle Parole Chiave
  • Parole Chiave Latent Semantic Indexing (LSI) Keywords nel contenuto
  • Contenuto visivo
  • Immagini ottimizzate
  • Altri file multimediali
  • Titolo SEO e Meta Description controllati
  • Immagine in primo piano
  • Tag di intestazione
  • H1 su ogni pagina
  • Copia del body ottimizzata
  • Evergreen Content
  • Anchor
  • Link interni
  • Link in uscita in nuove schede
  • reindirizzamenti 301
  • Dati strutturati
  • Social markup
  • Sezione FAQ
  • Tag del blog
  • Biografia dell’autore
  • Pulsante del link
  • Conteggio delle parole
  • Segnali per i social
  • Regolarità
  • Data ‘dell’ultimo aggiornamento‘
  • Condividi il tuo contenutol
  • Suggerimenti per l’aggiornamento dei contenuti
  • Strumenti utili-produzione di contenuti

Frequently asked questions

Che cos'è il SEO di WordPress?

Il SEO di WordPress è il processo di ottimizzazione di un sito WordPress per i motori di ricerca. Ciò include il miglioramento della visibilità del sito e l’aumento del traffico web dai risultati di ricerca organici.

Quanto tempo ci vuole perché le modifiche SEO abbiano effetto?

Questo può variare a seconda di ciò che si sta cercando di ottenere. Alcuni cambiamenti avranno effetto immediato, mentre altri potrebbero richiedere anche alcuni mesi prima di avere un impatto.

Come aggiungere le parole chiave SEO in WordPress?

Non esiste una risposta univoca a questa domanda, poiché il modo migliore per aggiungere parole chiave SEO varia da sito a sito. Tuttavia, alcuni suggerimenti per l’aggiunta di parole chiave SEO includono il loro utilizzo nel titolo del sito, nell’URL, nei meta tag e nel corpo del testo. La nostra lista di controllo dovrebbe aiutarti in questo senso.

In che modo Google Analytics può aiutarmi con il SEO?

Google Analytics può fornire dati preziosi da utilizzare per monitorare la SEO del tuo sito. Ad esempio, ti mostrerà quali parole chiave portano traffico al tuo sito web, in modo che tu possa sapere quali argomenti interessano di più ai visitatori e come ti hanno trovato.

I post del blog aiutano il SEO?

Sì, sicuramente. Un blog è un ottimo modo per migliorare il SEO del tuo sito, in quanto ti permette di produrre contenuti freschi e di costruire link nel tempo.

Risorse correlate

Il nostro sito web utilizza i cookie. Continuando a navigare sul nostro sito ti informiamo che assumeremo il tuo consenso all'utilizzo dei cookie come specificato nella nostra politica della privacy e dei cookie.

×
Prenota una chiamata individuale e scopri i vantaggi di LiveAgent per la tua azienda.

Siamo disponibili su più date

Prenota una demo